{[adsense:type=leaderboard]}

Ricostruzioni Contabili

Ti occorre un commercialista?

Invia la tua richiesta specificando il servizio di cui hai bisogno.

In breve tempo i professionisti della tua zona ti ricontatteranno fornendoti ogni informazione su servizi e costi.


Descrizione Ricostruzioni Contabili

Le ricostruzioni contabili sono quelle operazioni volte alla ricostruzione dei dati contenuti nei prospetti contabili che fanno parte del bilancio d’esercizio, vale a dire dei dati contenuti nello Stato Patrimoniale e nel Conto economico di un’azienda. Queste ricostruzioni contabili si rendono necessarie in caso, ad esempio, di bancarotta o fallimento dell’impresa.
Lo stato di insolvenza prodotto da una situazione fallimentare, che deve essere certificata da un tribunale fallimentare, e che consiste nell’impossibilità da parte dell’imprenditore ad onorare gli impegni presi sia in termini di normali pagamenti sia per quanto riguarda le obbligazioni a scadenze stabilite, può essere ulteriormente aggravato da una azione fraudolenta di bancarotta.

Il fallimento prevede una procedura concorsuale che, tramite le debite ricostruzioni contabili, consente di individuare tutti i creditori, i quali risultano in posizione di parità a meno che non vi siano prelazioni come pegni o ipoteche. Le ricostruzioni contabili servono così per fare in modo che tutti i creditori vedano risolta la propria spettanza economica; spettanza che l’imprenditore in stato di insolvenza non riesce più a soddisfare.
I pagamenti avvengono dopo che il curatore fallimentare procede alla liquidazione del patrimonio fallimentare e alla successiva ripartizione dell’attivo residuo.

Le ricostruzioni contabili sono fondamentali in questi delicati processi, in quanto l’imprenditore può anche sottrarre in maniera dolosa parte dei beni, inficiando così la possibilità dei creditori di essere risarciti.
Qualora avvenga questa operazione, che è individuabile solo attraverso una corretta ricostruzione contabile, si configura il reato di bancarotta. A sua volta la bancarotta può essere classificata come fraudolenta, quando vi sia stata coscienza e volontà di commettere il dolo, o bancarotta semplice, quando cioè il danno sia stato commesso per imprudenza, negligenza o imperizia. A stabilire le caratteristiche della bancarotta è comunque la ricostruzione contabile dei bilanci d’esercizio dell’impresa.

Si possono, però, anche verificare casi in cui l’imprenditore, onde evitare la visione delle scritture contabili e la relativa operazione di ricostruzione contabile, distrugga tutti i documenti in suo possesso, li sottragga o li falsifichi. Condotta che impedisce ai creditori di potersi avvalere dei propri diritti, e che viene considerata reato e punita in base all’articolo 10 del decreto legislativo 74 del 2000.

Trova il professionista per Ricostruzioni Contabili nella tua zona